Condividi

Un cistranese tra le vittime della tragedia avvenuta in Calabria, a Civita, sul monte Pollino per l’improvviso ingrossamento del torrente Raganello. Si tratta di Gianfranco Fumarola, agente di polizia penitenziaria,sposato con tre figli, appassionato di sport. Lo riportano portagrande.it e poliziapenitenziaria.it

La notizia ha letteralmente sconvolto l’intera cittadina. Tante incertezze ancora sulla dinamica della tragedia.

Pare che due gruppi di escursionisti, in totale più di trenta persone, stessero partecipando a una visita all’interno dell’area caratterizzata da gole e canyon a monte del così detto ponte del Diavolo, nel territorio del Parco nazionale del Pollino e che siano stati travolti improvvisamente dalle acque del torrente ingrossatosi per le frequenti piogge di questi giorni.

Risultati immagini per penitenziaria notte

Sembra che Gianfranco fosse anche in compagnia dei suoi figli che si sarebbero salvati aggrappandosi a dei rami. Al momento le vittime sarebbero 11, ma tanti i dispersi, tra i quali anche bambini.

 

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCrollo ponte Morandi, i funerali di Mirko Vicini, l’ultimo a essere trovato sotto le macerie
Prossimo articoloChiara, salvata dal fango a 8 anni: i genitori sono morti nella piena del torrente Raganello