Condividi

Un giorno speciale, indimenticabile per Nicola, uno degli 87 giovani poliziotti del 204esimo corso che nella giornata di ieri hanno giurato a Pescara.

Pescara – Non solo il giuramento appena avvenuto, uno dei momenti più toccanti, significativi e simbolici di ogni appartenente alle forze dell’Ordine ma, come racconta il quotidiano Il Mattino, appena conclusa la cerimonia, un gesto speicale.

Nicola Massafra, questo il nome completo, si è staccato dal gruppo, si è inginocchiata in mezzo a due file di compagni di corso, ed ha estratto un anello: “Vuoi sporsarmi?”. La ragazza ha risporto “Sì”, con tutto il carico di emozione del caso. Poi, l’applauso dei colleghi.

Sono in tutto 87 i nuovi agenti della polizia, formatisi alla scuola per il controllo del territorio di Pescara

Il giuramento si è tenuto alla POLGAI di Pescara uno degli istituti d’istruzione della polizia di stato, noto per i corsi per il controllo del territorio. Alla POLGAI hanno giurato 87 allievi agenti, ma sono stati in totale 479 gli Allievi sparsi in tutta Italia che in queste ore hanno prestato giuramento.

l’8 Luglio verranno tutti assegnati alle nuove destinazioni. L’età media si aggira attorno ai 25 anni. Un terzo sono donne. Gli allievi arrivano da Abruzzo, Campania, Molise e Puglia, numerosi sono i laureati.

“Al momento sono agenti in prova. Dopo il giuramento, l’8 luglio, saranno loro assegnati destinazioni e reparti, dove effettueranno quattro mesi di prova, terminati i quali saranno nominati a tutti gli effetti agenti della polizia di stato. I ragazzi formati a Pescara rappresentano solo una piccola parte di coloro che hanno preso parte al 204esimo corso, iniziato l’8 novembre scorso – ha spiegato il direttore della scuola, Francesco Zerilli – Per loro si apre ora una carriera di grande responsabilità”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAuto sospetta sotto casa, chiama i Carabinieri: trovano il figlio appartato con la ragazza
Prossimo articoloForze dell'ordine e chiesa cattolica, ecco di chi si fidano gli italiani