La scomparsa di Giuseppe Beolchi ha colpito tutti: anche i Carabinieri vicini alla Polizia e alla famiglia di Peppino

Oramai le immagini di quell’auto della Polizia Stradale le abbiamo tutti negli occhi, nella mente. E’ andata praticamente distrutta quell’auto.

E ci ha portato via un altro poliziotto, Giuseppe Beolchi, per tanti semplicemente “Peppino”, un vero servitore della comunità, sempre pronto ad aiutare il prossimo come riportano le tante testimonianze di amici e colleghi in queste ore.

Anche l’Arma dei Carabinieri ha espresso cordoglio. Perchè, nonostante tutto, giubbe diverse, stessi pericoli, stessa sorte, stesso dolore

Giuseppe Beolchi, agente 45enne con lunga esperienza

Leggi anche: “Arrivava a lavoro, sempre con quel sorriso li, Peppino amava fare il poliziotto. E io me lo voglio ricordare così…”

era entrato in servizio giovanissimo in Polizia, prima a Piacenza e poi nella stazione di Guardamiglio.

Padre di cinque figli, abitava a San Rocco al Porto, nella Bassa Lodigiana. Peppino è morto sul colpo per le gravi ferite riportate.

Il capo della Polizia Gabrielli ha affidato il proprio cordoglio a un post pubblicato sulla pagina Facebook ufficiale della Polizia di Stato:

Leggi anche: “Anche per voi che ci odiate, noi ci saremo sempre”. Lo sfogo di un poliziotto

‘Lutto per la Polizia di Stato. È morto in un incidente stradale, avvenuto questa mattina al chilometro 44 dell’A1, sul territorio di Guardamiglio nel Lodigiano (Piacenza),

l’assistente della polizia di Stato Giuseppe Beolchi. Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha espresso sentimenti di cordoglio e commossa vicinanza ai familiari di Giuseppe.

Il tragico evento si è verificato per lo scontro tra la pattuglia della Polizia stradale e un camion in cui è rimasto gravemente ferito anche l’altro collega della pattuglia, Claudio Granato, a cui il prefetto Gabrielli fa gli auguri di una rapida e completa guarigione’.

 

 

Leggi anche: “Quando avevi bisogno lui c’era: Beppe era un poliziotto dal cuore immenso”. Il ricordo dei colleghi

Nella serata di ieri, il ministro Minniti ha inviato un telegramma a Gabrielli per esprimere la propria vicinanza al corpo della polizia e ai familiari dell’agente Beolchi.

Un messaggio è stato poi inviato dal comandante generale dell’Arma dei Carabinieri Tullio Del Sette, che ha espresso al Capo della Polizia ‘la vicinanza e solidarietà sua e dell’Arma,

formulando le più sentite condoglianze per la morte dell’assistente Beolchi, estese ai suoi cari, e i più fervidi auguri di rapida e completa guarigione per l’agente Granato’.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche