Condividi

Firenze – Per i suoi 22 anni passati ingiustamente in carcere, perché innocente, chiede un risarcimento di 66 milioni di euro. A depositare la richiesta monstre sono i legali di Giuseppe Gulotta, il 60 enne, che oggi vive nell’empolese: nell’atto, firmato dagli avvocati Baldassarre Lauria e Pardo Cellini, l’Arma dei carabinieri è citata per responsabilità civile. Quello di Gulotta è stato definito il più grande errore della storia giudiziaria italiana. Nel 1976, a soli 18 anni, venne arrestato e condannato per errore per l’omicidio di due giovani carabinieri ad Alcamo Marina.

Venne condannato all’ergastolo, ma in seguito alla revisione del processo, nel 2012, 36 anni dopo il suo arresto, ottenne l’assoluzione con formula piena. Nel 2016 gli è stata riconosciuto un risarcimento di sei milioni e mezzo, con una provvisionale di 500mila euro, dalla corte d’appello di Reggio Calabria. In totale, Gulotta, ha passato 22 anni in cella.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteE' nato il primo sindacato militare della storia. Pubblicato il decreto ministeriale che lo autorizza
Prossimo articoloLavoro e famiglia: arrivano congedo di paternità obbligatorio e quattro mesi di congedo parentale. Come funzionano

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.