Condividi

Il colonnello Sergio De Caprio, il Capitano Ultimo che arrestò Totò Riina, riavrà la sua scorta. Lo ha deciso il Tar del Lazio, secondo quanto riferisce l’Ansa, accogliendo il ricorso presentato da De Caprio contro il ministero dell’Interno e annullando, previa sospensiva, tutti gli atti relativi alla revoca della misura di protezione, disposta il 3 settembre scorso per “mancanza di segnali di concreto pericolo“. Il ricorso verrà trattato nel merito l’11 giugno prossimo.

La decisione del tribunale amministrativo arriva il giorno dopo il caso dell’auto bruciata proprio all’ingresso della falconeria della casa famiglia gestita dall’associazione volontari Capitano Ultimo. “Un avvertimento? Questo sicuramente lo valuteranno il prefetto di Roma, Paola Basilone, e gli esperti dell’Ucis (l’ufficio interforze che assegna le scorte alle personalità a rischio – ndr.) che sanno leggere molto bene i segnali concreti di pericolo“, aveva commentato De Caprio, riferendosi implicitamente proprio alla revoca della sua scorta.

“Oggi con coraggio il Tar di Roma ha arginato l’illegittima prevaricazione che alcuni funzionari della sicurezza pubblica hanno esercitato contro il diritto alla vita, alla sicurezza ed alla difesa di un cittadino e di un carabiniere”. Così il Capitano Ultimo – aggiungendo “disprezzo” per chi non ha fatto nulla – commenta all’Ansa, tramite il suo avvocato Antonino Galletti, la decisione del Tar di ridargli la scorta. “I giudici hanno ritenuto finalmente che l’uomo e la sua sicurezza prevalgono sulla burocrazia“, aggiunge Ultimo. Che prosegue: “verso tutti quelli che in questa vicenda, pur avendone la possibilità, non hanno fatto e non fanno nulla, va il massimo disprezzo dell’uomo e del carabiniere”. L’avvocato Galletti, dal canto suo, ribadisce “fiducia nella magistratura amministrativa e nel suo ruolo insostituibile come presidio di legalità e giustizia”.

Secondo i giudici del Tar, “si ravvisano i presupposti per l’accoglimento dell’istanza cautelare, dovendosi assegnare preminenza, allo stato, nel bilanciamento degli opposti interessi, al mantenimento del dispositivo di tutela in favore” del Capitano Ultimo, “nelle more della decisione sul merito del ricorso”. Il Tar ha quindi sospeso l’efficacia di tutti gli atti riguardanti la revoca della scorta al colonnello, compreso il provvedimento con cui è stata rigettata la domanda fatta dall’ufficiale al prefetto di accesso agli atti.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteE' in pericolo di vita: il suo rene "vola" in tempo record con la Lamborghini della Polizia
Prossimo articoloPremiati Marco e Antonio, i due poliziotti eroi del crollo del Ponte Morandi