Gli antagonisti violano la quarantena: fermati dalla polizia

Tensione a Milano, in via Padova nella giornata di ieri, 25 Aprile, quando alcuni militanti dei centri sociali hanno tentato di portare fiori sulle lapidi dei partigiani violando le leggi sul confinamento

Ne parla la Stampa. Attimi di tensione, spintoni, strattonamenti. I tafferugli sono esplosi quando la polizia ha fermato un decina di antagonisti che avevano organizzato un breve corteo per rendere onore ai partigiani nella giornata del 25 aprile, le cui celebrazioni pubbliche sono sospese dal governo per via dell’emergenza coronavirus.

Le volanti sono intervenute per identificare e multare i giovani in bici. Ma il clima si è riscaldato immediatamente e dalle parole e gli insulti, si è passati alle mani, come dimostrano i video raccolti dai balconi delle case su via Democrito, vicino a via Padova.

Dopo aver cercato di evitare il controllo degli agenti, una ragazza è stata spinta, altri bloccati a terra o trascinati, tanto che qualche residente della zona è sceso in strada a prendere le difese dei manifestanti dei centri sociali della zona.

Il gruppo, dopo essere stato identificato, ha continuato a essere seguito dalla polizia.

Un’altra ventina di attivisti dei centri sociali sono stati fermati e identificati in via Ascanio Sforza, zona Ticinese. Ma nel corso della giornata sono attese altre piccole manifestazioni di questo tipo. Per questo i controlli sono stati rafforzati su tutta la città.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche