Gran Bretagna, studentessa 19 beve drink alterato e viene ricoverata: “Due ore dopo, forse sarei morta”

Una studentessa universitaria britannica è finita in terapia intensiva dopo che la sua bevanda è stata alterata con la cosiddetta “droga dello stupro”. È quanto sostiene Emily “Mimi” Walter, 19 anni, uscita con la sua amica Megan Howell a Falmouth, in Cornovaglia, per festeggiare l’inizio del suo anno universitario. Ma dopo aver bevuto appena due gin tonic in una discoteca della città, è crollata nella toilette e afferma di non ricordare quello che è successo dopo. Fortunatamente Megan ha trovato la sua amica da sola nel bagno del nightclub e ha chiamato un’ambulanza, prima che i paramedici portassero Mimi al Royal Cornwall Hospital di Truro. Lo studentessa è stato poi trasferita nel reparto di unità di terapia intensiva e crede che “se non fosse stata trovata così in fretta ora potrebbe essere morta”.

Ora che sta bene, la studentessa della Falmouth University ha scritto un messaggio su Facebook per mettere in guardia gli altri nuovi studenti sui pericoli del drink alterali. Il suo post è stato condiviso oltre 13.000 volte da sabato. “Il farmaco ha un effetto paralizzante sul corpo e ti rende completamente inconsapevole di ciò che sta accadendo. Ho trascorso la notte in un’ambulanza con un team di paramedici e poi sono stato portata in ospedale stamattina presto dove sono stata curata nell’unità di terapia intensiva” racconta.

Non ho ricordi nitidi della scorsa notte. Questo è per CONDIVIDERE e SENSIBILIZZARE. Ho avuto la fortuna di essere stata trovata in tempo e ho avuto le cure di cui avevo bisogno. Se fosse stato un paio d’ore dopo è probabile che sarebbe stato fatale. Non accettate bevande da nessuno, tenete il drink vicino; se ritieni di essere stato drogato, cerca l’assistenza medica il più presto possibile. Sono così grata a Megan Howell per essere stata con me tutta la notte, alla squadra di paramedici e alla mia straordinaria mamma Hillary Walter che ha guidato per 10 ore per venire a prendermi e riportarmi a casa”.

Diverse altre vittime di ‘spiking’ (“droga dello stupro”) si sono fatte avanti dal suo post per condividere le proprie esperienze. Susan Lyons ha scritto di essere stata picchiata in due occasioni in precedenza. “Entrambe le volte sono stata molto male e mi sono rotta il polso. Cerchi di muoverti, ma il tuo corpo non ti segue: è spaventoso”. Lisa Tatum ha scritto: “Ti auguro una pronta guarigione. Prego che ci siano state delle telecamere nel locale e i cattivi maiali che hanno cercato di farti del male vengano catturati”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche