Condividi

Riportare l’obbligo del grembiule nelle scuole, un argomento caro a Matteo Salvini sul quale il vicepremier è tornato ieri da Lauria, in Basilicata. Salvini – spuega Il Messaggero – ha ha sostenuto che a scuola «per me metti lo stesso grembiule a tutti, così non ci sono belli e ricchi, ma sono tutti uguali”. Matteo Salvini ha anche rilanciato la proposta della Lega di introdurre l’educazione civica tra le materie da insegnare. «Dalla scuola – spiega – bisogna ripartire, mettendo al centro la maestra” e “io -conclude – quando leggo dei genitori che aggrediscono gli insegnanti per i brutti voti penso che bisognerebbe dare due schiaffoni ai genitori, non ai bambini”.

Ma Salvini è intervenuto anche sull caso Diciotti. “Vado a testa alta in Senato, se dovessi essere processato ne sarei orgoglioso, non è un problema, facciano come vogliono” ha detto Matteo Salvini parlando del caso Diciotti, con il voto del Senato che dovrà decidere se dare via libera all’autorizzazione a procedere nei suoi confronti. “Sarò tranquillo e rilassato ma il 20 il Senato dovrà votare per un reato che mi viene fantasiosamente imputato, quello di sequestro aggravato di persone”, conclude il ministro dell’Interno.
E poi, sul Forum delle famiglie “Ognuno fa quello che vuole: io ci vado”: così Matteo Salvini ha risposto a una domanda dei giornalisti sul congresso mondiale delle famiglie in programma a Verona. “Io ci vado – ha ribadito Salvini – con tutto il rispetto per le scelte di vita di ciascuno”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBiliardino al posto dei videopoker: "Guadagno meno ma ero stanca di vedere i clienti rovinarsi"
Prossimo articoloBellissima, sguardo ipnotico e sportiva: Meryan vuole vivere "allʼitaliana", il padre la investe

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.