Condividi

“Bastardi”, “Guardie infami, vi ammazzo”. Prima li ha insultati, senza apparente motivo, quindi li ha aggrediti. E’ finito con quattro poliziotti feriti e le manette ai polsi

Come spiega il Giornale, gli agenti sono stati costretti ad accostare per poter individuare il romeno che, quando ha visto l’auto fermarsi si è rifugiato all’interno di un bar continuando a sbraitare contro la pattuglia. I due poliziotti lo hanno seguito dentro il locale, nel frattempo hanno anche avvertito tramite radio un’altra pattuglia che è prontamente giunta sul posto. Nel bar il ragazzo ha urlato insulti ai poliziotti:”Vi taglio in due, bastardi! Guardie infami”. Nel frattempo sono sopraggiunti altri agenti che hanno aiutato la prima pattuglia ad arrestarlo non senza problemi. Infatti, il 36enne ad un certo punto ha estratto un cacciavite che ha tirato contro gli agenti ferendone uno.

Leggi anche:  Daniela muore in ospedale per un aneurisma: ma per i medici era solo mal di schiena

Nella colluttazione dell’arresto l’uomo, in evidente stato d’agitazione ha continuato ad infierire contro i poliziotti tanto da ferirne quattro. Una volta braccato è stato immediatamente chiuso dentro la macchina dove ha continuato a dimenarsi nel tentativo di sfondarla per poter fuggire.


Il gesto non è stato ancora spiegato, il 36enne sarà controllato per vedere se aveva assunto droghe o alcol durante la mattinata. Per gli agenti invece alcuni sono stati giudicati guaribili in 5 giorni mentre uno di loro dovrà essere sottoposto a cure mediche per i prossimi 10 giorni si apprende da Roma Today.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteI manifestanti ai poliziotti: “dovete morire di meningite a uno a uno”
Prossimo articoloPneumatici invernali o catene a bordo: scatta l'obbligo. Le multe sono salate

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.