Condividi

È una direttiva firmata da Matteo Salvini a rendere effettivo le ordinanze già adottate a Bologna e Firenze e che hanno come obiettivo quello di rafforzare la sicurezza delle città e contrastare il degrado urbano.

Con la circolare di oggi (leggi il documento integrale), il ministro ricorda che il decreto legge del 20 febbraio 2017 “affida ai sindaci ed alle autorità di pubblica sicurezza strumenti operativi” che permettono di ordinare un “daspo urbano” nei confronti di chi non permette la “mobilità e fruibilità delle aree pubbliche”. Se questi strumenti non bastassero, però, i prefetti potranno intervenire per mantenere la sicurezza e il decoro della città.

La nuova direttiva è stata inviata ai prefetti e al capo della polizia Franco Gabrielli e fornisce gli “indirizzi operativi su ordinanze e provvedimenti antidegrado e contro le illegalità” attreverso i quali i prefetti potranno emettere ordinanze specifiche “ogni qualvolta emerga la necessità di un’azione di sistematico disturbo di talune condotte delittuose che destano nella popolazione un crescente allarme sociale”.

L’idea alla base è quella di poter impedire a pusher e trafficanti alle cosiddette “piazze dello spaccio”, attraverso – appunto – il daspo urbano. Per questo Salvini chiede ai prefetti di convocare il comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica per individuare “le esigenze di tutela rafforzata di taluni luoghi del contesto urbano” e decidre quindi la “strategia di intervento”. Il tutto – la direttiva lo ricorda in modo ben esplicito – “con il coinvolgimento, ove la situazione lo richieda, di tutte le componenti, pubbliche o private, di volta in volta interessate, se del caso mediante specifiche sedute del Comitato metropolitano”. Inoltre il ministero chiede ora che “a partire del 31 maggio”, le prefetture inviino al Viminale “puntuali report sul monitoraggio condotto in relazione alle ricadute delle ordinanze adottate”.

La direttiva ha però irritato i sindaci e in particolare l’Anci: “I sindaci non sono distratti, affatto£, attacca il presidente dell’Associazione nazionale Comuni italiani, Antonio Decaro, “Ed è curioso che il ministro Salvini che in base all’accordo sottoscritto tra governo ed enti locali sulle linee guida in materia di sicurezza urbana, avrebbe dovuto affrontare il tema in conferenza Stato Città, a quel tavolo di confronto non si faccia vedere, e nel frattempo non perda occasione per far polemica con noi. Vorrei che il ministro considerasse i sindaci degli alleati, con i quali confrontarsi per arricchire il patrimonio di informazioni e di esperienze da cui dipendono le politiche di sicurezza urbana. Se ci avesse chiamati per affrontare seriamente il problema del degrado urbano nelle città gli avremmo detto che varare zone rosse è un pò come mettere la polvere sotto il tappeto, non risolve il problema, lo sposta altrove”.

E – racconta Repubblica – Luigi Di Maio sarebbe irritato per quello che sembra un altro attacco a Virginia Raggi: “Io sono dell’opinione che chi governa lo scelgono i cittadini”, ha detto il vicepremier grillino, “È l’abc della democrazia. Esprimi un voto e poi giudichi al termine del mandato. Io la vedo così”. (fonte Il Giornale)

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCongedo per obesità Forze Armate: i soldati in sovrappeso potrebbero rischiare l'idoneità al servizio
Prossimo articoloOperazione "Crudelia", scoperto e smantellato dai Carabinieri forestali un vasto traffico di cuccioli

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.