Condividi

Aveva un tasso alcolemico nel sangue di 1.49 g/l l’uomo che ha seminato il panico per le strade di tre province venete guidando per ben 70 km in contromano e nella nebbia. Prima che avvenisse una strage è stato fermato, denunciato per guida in stato di ebbrezza e naturalmente patente stracciata

La segnalazione è partita rispetto una macchina in contromano sulla Valdastico in direzione Rovigo. Le chiamate si sono susseguite e poi il colpo di scena raccontato da Padova Oggi: dopo quasi 40 chilometri, una volta giunto al casello di Badia Polesine, in un batter d’occhio esce dall’autostrada, abbatte la sbarra del pedaggio e rientra sempre nella A31 e sempre contromano, ritornando verso Vicenza.

Un’altra trentina di chilometri, e tra i caselli di Albettone e Montegaldella si sfiora la tragedia: l’equipaggio della polizia stradale intercetta la Panda del 61enne, il quale però invece di fermarsi sfiora lo specchietto del mezzo e prosegue la sua corsa per altri tre chilometri prima di essere finalmente bloccato.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteLegami con imam sospetti e proselitismo social, espulso un pericoloso albanese
Prossimo articoloIn Germania i soldati scarseggiano: l'esercito pensa di reclutare i cittadini Ue