Condividi

Margaret McMahon è una donna di 48 anni, viene da Belfast e, a partire dal 2013, ha capito che c’era qualcosa che non andava nelle sue condizioni di salute quando lo stomaco ha cominciato a ingrandirsi a dismisura. Non solo sembrava che avesse il pancione di una donna incinta ma soffriva anche di forti dolori addominali. I medici, inizialmente, le avevano diagnosticato la sindrome dell’intestino irritabile e le avevano consigliato di seguire una dieta sana. Insoddisfatta dei loro consigli, la donna ha deciso di fare una Tac dopo qualche anno. La scoperta è stata assurda: Margaret aveva un tumore di 18 centimetri che cresceva nel suo grembo.

Subito dopo, ha fatto una risonanza magnetica e si è accettata che si trattava di un fibroma non-canceroso ma non ha potuto fare a meno di sottoporsi a un intervento di isterectomia. La pancia le era cresciuta così tanto che le comprimeva la vescica, costringendola a urinare in continuazione. “E’ stato come avere una gravidanza senza fine. Mi sentivo come se fossi stata incinta ed ero sul punto di partorire”, ha spiegato Margaret ancora sotto shock. Per fortuna, lo scorso marzo ha rimosso il tumore e ha ricominciato ad avere una vita “normale”.
La scorsa estate si è concessa la prima vacanza in compagnia della famiglia dopo 3 anni ed è più felice che mai. Si sente finalmente una persona nuova, convivere con quei terribili dolori la stava uccidendo. La speranza è che la sua storia possa rendere le donne più consapevoli su un problema simile: quando si avvertono dei dolori e dei gonfiori alla pancia, sarebbe meglio chiedere subito un consulto medico.

fonte Fanpage

Roma, 28 ottobre 2016

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteChiusura Equitalia: aumenta la possibilità di non pagare le cartelle
Prossimo articolo'ATTENZIONE all'ARTICOLO SEGRETO del REFERENDUM: l'Italia dovrà eseguire gli ordini di Bruxelles'. Ma è...