Condividi

Ha messo i fondi di caffè nei cassetti di casa, il motivo vi soprenderà

Come eliminare l’odore di muffa dai mobili? La muffa è la maggior nemica dell’igiene; essa provoca cattivi odori in casa e rovina le superfici che attacca. I mobili di legno, lasciati in un ambiente umido, come una cantina o una soffitta, possono essere attaccati da questo fungo, prendendone il caratteristico odore. Eliminarlo richiede tempo e pazienza ma seguendo i nostri consigli, i vostri mobili torneranno come prima. Ecco allora, dai cassetti all’armadio, una guida utile per affrontare il problema.

Rimuovere la muffa
Il primo passo per eliminare l’odore della muffa dai mobili consiste nel rimuoverla dalle superfici. Se la superficie non è stata attaccata molto, basterà rimuovere la patina di muffa con del sapone di Marsiglia, indossando guanti e mascherina: non dimenticate infatti che la muffa è tossica. Se invece le superfici appaiono molto danneggiate, dovrete carteggiare il legno, per permettergli di respirare.

Disporre i mobili all’esterno
I mobili attaccati dalla muffa dovranno essere spostati per almeno due giorni all’esterno. I raggi solari uccidono infatti tutti i germi e i batteri. Dopodichè procedete con una mano di vernice trasparente per contrastarne la ricomparsa.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente“Non riesco a dimagrire!”: cause più comuni, errori da evitare e soluzioni
Prossimo articoloPolizia e animalista fermano un camion con oltre 300 cani destinati al macello!