“Sì, ho scritto io quello striscione contro i migranti”. Il grido di rabbia di una mamma sola

Adesso l’autore (o meglio l’autrice, visto che si tratta di una donna) di quegli striscioni ha un nome e un cognome. Si tratta di Cristina Trabucco, 45 anni, disoccupata e con due figli. Cristina non si nasconde e, come si dice, ci mette la faccia.

Con quelle scritte eloquenti intendeva sottolineare la disparità di trattamento tra un immigrato bisognoso e un italiano indigente. “Eccomi presente, rivendico il mio striscione – afferma la Trabucco – vado avanti a testa alta per una vita dignitosa per i miei figli, come l’hanno avuta finora”.

Due scritte eloquenti in cui veniva sottolineata la disparità di trattamento tra un immigrato bisognoso e un italiano indigente. Si r.