Condividi

Potrebbe esserci una fatalità alla base della tragedia avvenuta in via Quirino di Marzio, in zona nella periferia di Bologna, attorno alle 10 di ieri dove due ragazzini di 14 e 11 anni hanno perso la vita dopo essere precipitati . Secondo le indiscrezioni fornite dai media il padre li aveva chiusi in casa per metterli in castigo dopo una lite. Genitori sentiti per ore. La coppia, di origine kenyota e in Italia da diversi anni, ha altri due figli, un maschio di due e una femmina di otto anni. La famiglia vive in un palazzone in una zona popolare nell’area ovest della città

Ero arrabbiato con loro perché li avevo mandati a fare la spesa e non mi avevano portato il resto giusto. Allora ho chiuso la porta di casa per punizione, in modo che non potessero uscire, e sono andato a fare la doccia” avrebbe raccontato il papà. I genitori sono stati infatti interrogat iper molte ore e il papà, in quel momento in casa con i figli, secondo quanto raccontato dalla stampa, avrebbe detto di aver chiuso la porta di casa per mettere in castigo i due figli e di essere poi andato a fare la doccia. “. In quel momento, i due ragazzini sarebbero precipitati

A dare l’allarme sono stati i vicini, che hanno notato intorno alle 10 i due cadaveri in una sorta di cortile interno, dove c’è molto passaggio di persone e automobili.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteFermato in stato di alterazione alcolica prende a pugni e stende un poliziotto
Prossimo articoloPoliziotto sfregiato mentre tenta di sedare una lite tra stranieri. Paoloni (SAP): “revoca di ogni titolo di permanenza in Italia”