Condividi

Una porzione da 85 grammi al giorno di funghi champignon (varietà bianca) può proteggerci dal diabete. Lo ha scoperto un team di ricerca internazionale guidato da studiosi del Dipartimento di Scienze Veterinarie e Biomediche presso l’Università Statale della Pennsylvania, che hanno collaborato con i colleghi dell’Istituto Wuhan dell’Accademia Cinese delle Scienze.

Gli studiosi, coordinati dalla professoressa Margherita T. Cantorna, docente di Immunologia molecolare presso il College di Scienze Agrarie dell’ateneo americano, hanno dimostrato che questi funghi riescono a modificare il microbioma intestinale, favorendo la crescita di batteri in grado di regolare i livelli di glucosio nel fegato. L’effetto che ne deriva è così positivo che non solo può aiutarci a combattere e prevenire il diabete, ma anche una serie di patologie metaboliche legate all’assorbimento dello zucchero.

Leggi anche:  Diabete, addio aghi. Per la misura della glicemia arriva un cerotto

Per dimostrare gli effetti benefici dei funghi champignon bianchi (Agaricus bisporus), una delle specie più vendute e apprezzate a livello mondiale, Cantorna e colleghi hanno condotto alcuni esperimenti con i topi, nutrendoli con una porzione giornaliera di funghi equivalente a 85 grammi per un essere umano.

Dall’analisi della flora batterica dei roditori trattati è stato evidenziato un vero e proprio ‘boom’ nelle colonie di batteri del genere Prevotella, noti per la capacità di produrre acidi grassi a catena corta in grado di regolare i livelli di zucchero nell’organismo. Essi, infatti, agiscono direttamente sui geni coinvolti nella gestione del glucosio (gluconeogenesi intestinale): i principali artefici di questo processo sono gli acidi grassi propionato e succinato, che nei modelli murini hanno chiaramente dimostrato di migliorare l’omeostasi del glucosio.

Leggi anche:  Mangiare troppa carne rossa cotta ad alte temperature fa aumentare il rischio di sviluppare il diabete

“Gestire meglio il glucosio ha implicazioni per il diabete, così come per altre malattie metaboliche”, ha dichiarato l’autrice principale dello studio, aggiungendo che una modifica della dieta cambia la flora batterica intestinale e che quest’ultima ha evidenti effetti benefici per la nostra salute. Com’è noto, infatti, il diabete – conosciuto anche come malattia del ‘sangue dolce’ – è legato ai deficit di insulina, l’ormone che regola i livelli di glucosio, ed è proprio per questo i funghi champignon possono essere preziosissimi alleati nel difenderci dalla patologia. I dettagli della ricerca sono stati pubblicati sulla rivista scientifica specializzata Journal of Functional Foods.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMigranti, ancora scontro contro la Francia: altro caso di "scarico" sospetto della gendarmeria francese
Prossimo articoloSparatoria in pieno centro, tre ladri scoperti da un carabiniere fuori servizio aprono il fuoco

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.