Condividi

Oltre 34 mila vigili del fuoco italiani, gli “eroi” celebrati dalla politica sul palcoscenico di ogni emergenza nazionale, ma regolarmente dimenticati nell’ordinarietà di un lavoro mal retribuito e poco tutelato. Disattese tutte le richieste avanzate da anni: l’incremento dei fondi per migliorare salari e previdenza del personale, con risorse aggiuntive per assunzioni, passaggi di qualifica, cura sanitaria del personale a titolo di anticipo, straordinari per soccorso, incremento delle dotazioni organiche. E poi il paradosso assoluto della mancanza della copertura assicurativa Inail. I vigili devono pagarsi le cure e i presidi sanitari indispensabili per gli infortuni professionali. Esiste un’assicurazione privata stipulata dall’amministrazione, ma rimborsa solo le spese successive e se riconosciute.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTorna in campo Beppe Grillo: "Mi elevo per salvare l'Italia dai nuovi barbari"
Prossimo articoloPiacenza, devasta una fioriera ed aggredisce i carabinieri: poi la richiesta