Condividi

Librino (CT) – Volevano sostituirsi ai vigili del fuoco, indossare il loro equipaggiamento per recuperare fra le fiamme alcuni oggetti abbandonati precipitosamente nell’appartamento, avvolto dal rogo, rubando persino la loro preziosa attrezzatura. Pretendevano che l’autista della prima “partenza” arrivata sul posto lasciasse l’autobotte e desse manforte ai colleghi.

Intimidazioni, insulti e minacce agli esperti del “115” intervenuti in viale Moncada per domare un incendio divampato a causa di una stufa che ha preso fuoco per un corto circuito in uno dei “palazzoni” di Librino. Alla base dello scontro verbale, il massiccio intervento delle “Volanti” ha evitato lo scontro fisico.

Leggi anche:  Dall'Aquila al Giglio: "Ciao Maurizio". Il toccante saluto dei vigili del Fuoco al caposquadra

A raccontare l’accaduto è stato Il Giornale di Sicilia

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteUccide il ladro in casa propria: assolto. Il giudice: "Si è difeso come ha potuto"
Prossimo articoloConfiscati beni per oltre 9 milioni di euro allʼex Margherita Luigi Lusi

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.