Lascia il calcio per combattere il Covid: “ho paura, ma la gente ha bisogno di me e non posso tirarmi indietro”

A 39 anni era diventato uno degli arbitri più stimati e conosciuti del suo Paese, il Brasile, ma la pandemia del coronavirus gli ha fatto vedere la vita da una prospettiva diversa e ora è tornato al suo precedente lavoro: l’infermiere.

Protagonista di questa storia è Igor Benevenuto, arbitro del “Brasilerao”, quindi la massima serie, e professionista in questa attività a tempo pieno.

Per dedicarvisi, racconta Sport Mediaset – aveva lasciato la sua precedenza occupazione di infermiere.

Adesso però, a causa del Covid-19, ha deciso di tornare ad essere ciò che era prima che il calcio lo assorbisse e assiste i malati in un ospedale di Sete Lagoas, la città dove vive, a 80 km da Belo Horizonte.

 

 

“E’ chiaro che ho paura, certamente piu’ di quando arbitro una partita, perché ci sono già stati casi di infermieri che, a causa del virus, sono deceduti – ha spiegato ad alcuni media locali -. Questo è un ‘nemico’ che può colpire chiunque, persone di tutte le età, ma ora la gente ha bisogno di me e non posso tirarmi indietro: qui sono più utile”.