Condividi
Il fidanzato le chiede di sposarlo sulla scogliera, lei per l'emozione precipita e muore
30 Gennaio 2015 – Doveva essere il giorno più bello della sua vita, si è tramutato in tragedia. Una donna bulgara di 29 anni, Dimitrina Dimitrova, è morta a causa della caduta da un precipizio a Cala Tarida, a Ibiza, dopo che il proprio fidanzato le aveva chiesto di sposarla.
La polizia sta investigando per capire l’esatta dinamica dell’accaduto anche se, dalle prime indagini, parrebbe che la donna abbia perso l’equilibrio a causa dell’eccitazione dovuta alla proposta di matrimonio appena ricevuta dal suo compagno, anche lui bulgaro.

La donna è precipitata da un’altezza di circa 20 metri cadendo sulla scogliera sottostante. Quando i paramedici sono giunti a soccorrerla era ancora viva, seppur incosciente. Un attacco di cuore l’ha poi colta pochi minuti dopo l’intervento dei dottori.
Il portavoce locale della Guardia Civil ha riferito alla stampa: «Tutti i dati in nostro possesso portano verso un tragico e fatale incidente».

La tragedia capita pochi giorni dopo la caduta, rivelatasi fatale, di un cittadino inglese di 25 anni da un punto panoramico di Sidney; mentre sono riusciti a cavarsela un campeggiatore sonnambulo, caduto da oltre 20 metri in Kentucky nel settembre 2014 e un’adolescente in Alaska nel luglio dello stesso anno, precipitata da più di 10 metri d’altezza.
Il fidanzato della Dimitrova lavorava sulla famosa isola delle Baleari, nota per le sue discoteche e la movida estiva, come cameriere. La fidanzata l’aveva raggiunto un paio di giorni indietro per cercare anche lei lavoro e ricongiungersi con quello che doveva essere il suo futuro marito ma che, per una tragedia assurda quanto ironica, non lo sarà mai.

(fonte Alessandro Di Liegro su Ilmessaggero)

A.P.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCattolico al Quirinale? Cei, non basta
Prossimo articoloIl nuovo capo dello Stato e il dibattito sui suoi reali poteri