Condividi
Le muore il figlio di 20 anni ma non si rassegnaManda sms e un giorno riceve una risposta

Questa una storia triste ma dentro contiene una piccola scintilla. Qualcosa di bello anche se non come la protagonista avrebbe voluto. C’è una mamma single americana, il suo nome è Carole Adler che ha perso il figlio di 20 anni, di nome Tylor. Il ragazzo era un Cadetto della Polizia nello stato del Colorado: entrare nell’esercito era uno dei suoi più grandi desideri e sua madre era la sua migliore amica e ogni giorno si scambiavano messaggi affettuosi.   Taylor è morto agli inizia del 2015 mentre era in servizio sulla Colorado Higway 66: un veicolo in fuga è arrivato a tutta velocità e lo ha travolto, proprio mentre cercava di posizionare delle barriere per fermarlo. Prima di morire, Taylor ha avvisato l’autista di un camion di spostarsi dalla carreggiata, salvandogli così la vita.

La storia – Carole non si è più ripresa da quel lutto. E ha continuato a mandare sms al suo Tylor.  Non si aspettava una risposta, ma il semplice scrivere l’ha aiutata a sentirsi meglio. Ma un giorno la donna riceve un messaggio di risposta proprio dal numero del figlio. LNon c’è nulla di paranormale in questa storia, semplicemente il numero di telefono di Taylor era stato riassegnato. Ma non a una persona qualsiasi: al Sergente Kell Hulsey del Dipartimento di Polizia di Greeley, cioè un uomo che incarnava tutto ciò che il ragazzo avrebbe voluto diventare. Il poliziotto ha prima cercato di evitare di rispondere ai messaggi poi lo ha fatto. In un secondo momento ha anche chiesto alla donna se voleva che lui continuasse a rispondere. Carol ha risposto sicura: SI.

Fonte: LiberoQuotidiano
10 Dicembre 2015

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePartorisce due gemelli, ma i medici trovano una differenza preoccupante
Prossimo articoloAnche i Vigili del Fuoco in piazza: "ci siamo rotti il casco"