Condividi

Parma – È un “bel gesto” che il comando dei carabinieri di Parma ha voluto sottolineare dandone notizia riportata dalla redazione locale di Repubblica.it Un cittadino immigrato originario della Nuova Guinea la scorsa mattina ha fermato nel centro di Parma una pattuglia dei carabinieri per rendere omaggio al militare colpito a morte il 13 aprile da tre proiettili esplosi da un pregiudicato.

Due rose rosse e un biglietto: “Non possiedo molto ma con i soldi che ho ho voluto comprare dei fiori per il vostro collega morto durante il servizio” le parole rivolte ai militari.

Episodi analoghi, negli scorsi giorni, sono stati registrati in diverse città d’Italia. Un fascio di fiori di campo e un bigliettino era stato recapitato a Caivano: “Chi tocca l’arma dei carabinieri, tocca noi persone oneste”: un tenero pensiero per il maresciallo Vincenzo Di Gennaro

come dimenticare poi il gesto di Vibo Valentia, dove un appuntato in servizio alla Sezione Radiomobile della Compagnia in transito per la via che porta al Comando ha notato – poggiata sul parabrezza di una gazzella – una rosa rossa con un nastro tricolore allacciato ed una busta contenente una lettera con su scritto: “Un grazie a voi Carabinieri per lo spirito di abnegazione e attaccamento ai doveri, garanzia di tutela per il cittadino. Onore a tutti voi”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteSenegalese pesta un agente, era stato liberato: lo sfogo di un poliziotto su Facebook
Prossimo articoloTarga dei Carabinieri imbrattata dopo il passaggio di una manifestazione: tra i caduti c'è anche un partigiano