Il magistrato di Cassazione: “uscire per far l’amore, dopo 45 giorni è stato di necessità”

Un “verdetto” sorprendente, quello piovuto nel corso di una diretta Instagram di Pupo. Il cantante si è mostrato infatti assieme al magistrato Lorenzo Delli Priscoli, giudice di Cassazione, al quale è legato da una lunga amicizia.

E tra le diverse domande poste da Pupo al magistrato, una riguardava – come rivela Il Tempo – il sesso: dopo 45 giorni di lockdown, non è forse una necessità primaria fare l’amore?

E il magistrato ha risposto: “Certo c’è la libertà costituzionale anche di movimento, ma ci sono anche stati di necessità come proteggere la salute pubblica. Però io un tema ora lo porrei: un conto è la quarantena che all’inizio ci si rideva e scherzava… Ma adesso che sono passati quasi 45 giorni, fare l’amore diventa uno stato di necessità.

E quindi se mi ferma la sera tardi la polizia, posso scrivere che mi sono spostato per ragioni affettive perché devo fare l’amore? Ecco non so se me lo concedono…”. Eppure, questo è quel che traspare, il giudice di Cassazione in linea di principio sembra ritenere che il sesso, ora, sia uno stato di necessità. / Liberoquotidiano

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche