Condividi

Ancora una rivoluzione per i televisori italiani.

Come previsto dalla manovra all’esame del Senato negli scorsi mesi, infatti, cambia la tecnologia del digitale terreste per ricevere i canali della tv

Gli italiani dovranno adeguarsi nel giro di 5 anni.

A fronte delle disposizioni contenute nella Legge di Bilancio 2018, i canali televisivi passeranno al nuovo digitale terrestre, il Dvb-T2. In parole povere, l’attrezzatura odiera cesserà di funzionare sui dispositivi che non montano gli ultimi standard tecnologici.

Leggi anche:  L'avviso della Polizia "Attenzione all'avvio di email apparentemente provenienti da questa azienda"

Il passaggio come avvenuto le scorse volte, sarà graduale, regione per regione ed emittente per emittente.

Comincerà nel 2018 (il periodo è ancora da chiarire, forse Maggio) e sarà completato nel 2022.

Nel testo della Finanziaria 2018 trapelato è stato inserito un lunghissimo articolo, il n. 89, intitolato

 

“Uso efficiente dello spettro e transizione alla tecnologia 5G” che norma tutte le fasi e i tempi del passaggio alla nuova modalità trasmissiva tv,

che renderà obsoleti milioni di apparecchi in tutta Italia (addirittura nove su dieci, secondo le prime stime).

Leggi anche:  Attacco hacker sull’Europa, nel mirino reti e ospedali dal Regno Unito alla Spagna

Come per il passaggio dall’analogico al digitale, il processo di passaggio al DVB-T2 non sarà all’unisono su tutto il territorio nazionale ma avverrà in modo parcellizzato per zona geografica, secondo un piano da stabilirsi a cura dell’Agcom entro il maggio del 2018.

Seguiranno aggiornamenti

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteÈ morto l'ultimo Motörhead, addio al chitarrista Fast Eddie Clarke
Prossimo articoloL'ultima idea di Bruxelles: una tassa sulla plastica per il bilancio europeo