Il Papa preoccupato per i clochard sotto la pioggia: distribuiti 300 ombrelli

Il Papa preoccupato per i clochard sotto la pioggia: distribuiti 300 ombrelli
Quando è stato eletto Papa ha iniziato a distribuire le coperte, poi le buste con 50 euro dentro per Pasqua e, per ultimo, ha deciso di fare costruire per i clochard di Roma una barberia ricavata da alcuni locali in disuso in Vaticano, provvista naturalmente di docce e barbiere (c’è già la fila dei barbieri disponibili a questa opera di volontariato). Per fare fronte a queste giornate di forte maltempo, stavolta, papa Francesco ha fatto spartire 300 ombrelli ai senzatetto che gravitano intorno a Borgo Pio e zone limitrofe.

Erano tutti ombrelli che giacevano in un deposito, dimenticati dai turisti dei musei vaticani. Ancora una volta l’iniziativa molto concreta è stata gestita dal prete polacco, monsignor Konrad Krajewski, che per conto del Pontefice si preoccupa di realizzare più opere benefiche possibili. E’ lui che a nome del Papa si reca nei ricoveri per anziani a trovare persone sole che, strette dalla morsa della solitudine, si sono rivolte a Francesco come a un amico. Non è difficile vederlo nei quartieri più periferici di Roma a portare corone del rosario ai malati o denaro per pagare gli affitti a famiglie disaggiatissime. “Mi manda il Papa”.

Quando fu scelto da Bergoglio come “suo braccio destro”, visto che a lui non è semplice uscire dal Vaticano, padre Konrad si è sentito apostrofare: “Mi raccomando, tu non devi essere incollato alla scrivania, devi andare dove non riesco ad andare io”. E così è stato.
5 Febbraio 2015

(fonte Franca Giansoldati su IlMessaggero)

A.P.