Il pesce spatola, uno dei più grandi al mondo, è stato dichiarato ufficialmente estinto

Si tratta, infatti, del primo animale del 2020 – e dunque della decade – a essere stato dichiarato ufficialmente estinto.

A confermarlo uno studio pubblicato su Science of the Total Environment che, sulla base di oltre 200 avvistamenti di questo pesce, avvenuti tra il 1981 e il 2003, ha tratto le amare conclusioni.

Si tratta del pesce spatola cinese (Psephurus gladius, o Chinese Paddlefish in inglese) che vive(va) nel fiume Yangtze in Cina. Lo ha reso noto la rivista specializzata Science of The Total Environment.

L’Iucn (Unione internazionale per la conservazione della natura) non ha ancora ufficializzato l’estinzione e si attende una comunicazione nel prossimo mese di giugno.

L’estinzione, secondo gli autori dello studio guidati da Hui Zhang dell’Accademia cinese delle scienze ittiche, è avvenuta tra il 2005 e il 2010, ma già nel 1993 la specie era considerata funzionalmente estinta, cioè non era più in grado di riprodursi.

Il pesce spatola cinese era lungo fino a 7 metri e pesava fino a 300 chili, tra i più grandi pesci di acqua dolce del mondo. Era uno dei due unici discendenti — l’altro vive in America — di una linea evolutiva diversificata e molto diffusa tra 75 e 34 milioni di anni fa.

Un tempo comune nel bacino dello Yangtze, uno dei fiumi più inquinati al mondo e sbarrato da enormi e numerose dighe come quella delle Tre Gole, fino agli anni Settanta veniva pescato in quantità: circa 25 tonnellate all’anno.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche