Coronavirus, il premier Conte chiederà la proroga dello stato d’emergenza

Il presidente del Consiglio si rivolgerà al Parlamento: contrarie le opposizioni. Salvini annuncia “barricate”. Prevista anche la riunione del Comitato interministeriale per gli Affari europei sul Recovery fund

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte chiederà al Parlamento la proroga dello stato d’emergenza coronavirus, che sarà votato prima in Senato e poi mercoledì alla Camera. Nettamente contrarie le opposizioni. Stasera prevista la riunione del Comitato interministeriale per gli Affari europei sul Recovery fund. Nettamente contrari i partiti d’opposizione.

Fino al 31 ottobre – Tramite il passaggio parlamentare, dunque, Conte riferirà sulla situazione epidemiologica nel Paese e sulla necessità di prolungare lo stato d’emergenza, che al momento scade a fine mese, fino al 31 ottobre. Una necessità, come hanno sempre spiegato fonti vicine all’esecutivo, data da motivi tecnici: per garantire, cioè, una maggior rapidità di esecuzione in caso di necessità.

Sileri: “No al lockdown” – “Prolungare lo stato di emergenza non significa lockdown, non significa nulla di drammatico”, ha spiegato il viceministro della Salute Pierpaolo Sileri, del M5s. Si tratta solo, ha aggiunto, di uno “strumento” in grado di dare “maggior flessibilità” all’azione dell’esecutivo: “Ma non cambia nulla rispetto a quello che stiamo facendo oggi, cioè una ripresa della normalità quasi totale”.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche