Condividi

Sarà che si brinda ai suoi 54 anni, portati con l’ormai nota eleganza nell’abito blu di alta sartoria. Ma un Giuseppe Conte che si sforza di essere così loquace e scoppiettante, in questi primi due mesi di governo non si era mai visto. La politica e la vita privata, il dilemma tra mare e montagna, gli studi giuridici e il pallino della matematica, la stampa e i dioscuri di Palazzo Chigi: «Salvini e Di Maio? Con loro non mi sono mai arrabbiato e non alzo la voce con i ministri, non siamo ancora a quel livello». Non si irrita mai, lei? «Qualche volta, ma resto lucido. Mi comporto con i politici come con l’impiegato della posta. Non è nelle mie corde affidarmi alle grida, sono pragmatico anche nell’inquietudine». Carattere? «Temo tutto e non temo nulla. Sono ottimista di natura e solido mentalmente». È un mediatore? «No, ho senso pratico».

Per tutti il capo del governo ha una risposta, un sorriso, una battuta, una gag: «Dottoressa lei è terribile, fa troppe domande ed è ancora troppo lucida… Mi dia quel bicchiere!». E giù spumante, per ammorbidire (scherzosamente) i media antagonisti: «Se non fate nemmeno voi l’opposizione va in malora tutto». Sulla tovaglia immacolata, qualche vassoio di cartone con i tramezzini per un buffet al limite dell’oculatezza. «Il premier offre di tasca sua», informa il portavoce Rocco Casalino. Dopo mesi rinchiuso «nella prigione di Palazzo Chigi», dove abiterà «almeno per un po’» per ragioni di sicurezza e per ottimizzare i tempi, le vacanze sono arrivate. «Saranno pochi giorni e dovrò confrontarmi con la mancanza di privacy — sospira —. Non essendo abituato ai clamori, come faccio ad andarmene in giro per le spiagge? Mi seguono ovunque e fare i conti con questa nuova vita a volte mi spaventa». Giorni fa, racconta, è uscito a spasso come nulla fosse: «Sono stato assediato e sono tornato indietro». Cercherà scampo all’estero? Mistero. Mare o montagna? «Collina… Non sono né carne né pesce, io». A Ferragosto sarà a casa in Puglia, a Volturara Appula, «300 anime tenendo fuori galline e pollame vario». Clima confidenziale, con Conte che si improvvisa giornalista («oggi non c’è notizia») e finge di cedere al pressing della stampa: «Rocco vai a prendere la manovra e danne una copia a tutti». Risate. L’ultimo scatto lo ritrae con il suo staff, tra la torta «mignon» e i palloncini colorati.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteBiella, pestava e mordeva i poliziotti: migrante patteggia ed è già libero
Prossimo articoloSimpson, rischia di sparire un personaggio della serie: è Apu, l'indiano gestore del Jet Market