Imprendibili e sanguinari: chi sono i sei superlatitanti più pericolosi d’Italia

Giovanni Motisi (cosa nostra)

Latitante dal 1998, anche lui deve scontare l’ergastolo. A capo dell’omonimo clan di Palermo, è ricercato dal 1998 per omicidio, dal 2001 per associazione di tipo mafioso e dal 2002 per strage. Le ultime notizie del boss risalgono alla festa di compleanno della figlia, festeggiata nel 1999 in una villa in contrada Cavallaro, a Palermo. Quello fu uno degli ultimi nascondigli noti di Motisi.