Imprendibili e sanguinari: chi sono i sei superlatitanti più pericolosi d’Italia

Marco di Lauro (camorra)
Ricercato dal 2004, lo aspetta l’ergastolo. Classe 1980, è il quarto dei dieci figli del boss di camorra, Paolo Di Lauro, capo del clan omonimo e ora recluso in regime di 41 bis. Il 2 maggio del 2012, la Terza Corte di Assise di Appello del Tribunale di Napoli lo ha condannato Marco (già latitante) all’ergastolo per l’omicidio del giovane Attilio Romanò, ucciso per errore nel gennaio del 2005 durante la prima faida di Scampia, a Napoli. Marco ha guidato la famiglia durante l’assenza dei fratelli Ciro e Vincenzo di Lauro e del padre. Il 17 novembre 2006 sono state diramate le ricerche in campo internazionale, per arresto ai fini estradizionali. Secondi voci di quartiere Di Lauro jr non si sarebbe mai mosso da Secondigliano.