IN PADELLA, FACILI E SAPORITI: IL CONTORNO DA LECCARSI I BAFFI

Uno dei metodi più utilizzati dalle nostre nonne era la conserva delle verdure, sott’aceto o sott’olio, dalle melanzane ai peperoni. Anche i peperoni in agrodolce possono essere conservati sott’olio in un barattolo ed essere consumati quando vogliamo durante l’anno. Per 4 peperoni preparate la marinatura facendo bollire in una pentola 1 litro di aceto, 100 gr di olio evo, 100 gr di zucchero e 100 gr di sale. Versate il tutto, ancora bollente, sui peperoni tagliati e messi in un’insalatiera. Mescolate e lasciate marinare per 24 ore. Scolateli dalla marinatura e versateli in barattoli sterilizzati, aggiungete olio extravergine d’oliva fino a coprire tutti i peperoni e chiudete i tappi dei barattoli. Conservate i vostri peperoni sott’olio in un luogo fresco e asciutto per almeno tre settimane prima di servirli.

Peperoni e cipolle in agrodolce
Una variante molto diffusa è quella che vede l’aggiunta di una cipolla rossa ai peperoni: tagliate la cipolla a listarelle ed aggiungetela nella padella in cui avete cominciato a cuocere i peperoni così come descritto nella ricetta. In cottura, sfumate con mezzo bicchiere di vino rosso. Se preferite, potete usare dei cipollotti rossi piccoli tagliati a metà.

Roma, 6 marzo 2017
fonte FanPage