Innamorati contro la volontà delle famiglie. Ma sono in Afghanistan, decapitati

SOS1308438Kabul, 23 ottobre 2013 – Un ragazzo ed una ragazza afghani innamorati contro la volontà delle famiglie, hanno pagato cara la loro sfida alle rigide tradizioni locali: sono stati sequestrati e brutalmente decapitati in un cimitero di Lashkargah, nella provincia meridionale di Helmand, Lo riferisce oggi Tolo Tv.

Secondo una ricostruzione offerta dalla polizia, accortisi della fuga, i genitori della ragazza si sono recati a casa del suo compagno con il pretesto di regolarizzare il fidanzamento. Una volta entrati in casa però hanno sequestrato i due, li hanno portati nel cimitero vicino alla residenza del giovane e li hanno brutalmente decapitati.

I responsabili della Commissione indipendente afghana per i diritti umani (Aihrc) di Helmand hanno condannato subito la famiglia della ragazza per duplice omicidio. Cercando poi di analizzare le cause di queste tragedie amorose hanno sottolineato come simili incidenti siano in aumento negli ultimi anni. “La ragione profonda di questa terribile vicenda – hanno detto – sono la carenza di istruzione, l’insicurezza e i valori della tradizione” che restano ancora molto, o troppo radicati. (ANSA/tgcom24.it)