“Infame di m., cornuto figlio di p.”, insulti a un agente della Polizia Locale, condannato un uomo

Un video di insulti contro un agente della polizia locale, risalente al novembre 2017, aveva totalizzato in appena una giornata oltre 6.000 visualizzazioni su Facebook.

A postarlo un rapper emiliano, noto nelle notti milanesi da qualche decennio, componente del collettivo musicale Dogo Band.

Ecco le frasi riprese dal sito Il Giorno, secondo quanto riportato nell’avviso di chiusura indagini: “Infame di m., cornuto figlio di p.! Sono la vergogna del popolo italiano, lavorano oggi perché c’è il presidente della Repubblica e mi vogliono fare la multa a me sto cane di m. Guardalo, poi domani è a bere il caffè, guarda che bello che è sto figlio di p. indegno!”.

L’agente della Polizia Locale era stato ripreso nel filmato. Sostenuto dal sindacato Sulpm ha quindi denunciato per diffamazione l’autore.

Ora, a distanza di due anni è arrivata una condannato in primo grado “riconosciute le attenuanti generiche, a una pena pecuniaria di 800 euro; in più, dovrà versare 500 euro di risarcimento all’agente, assistito dall’avvocato Michele Cinquepalmi, e pagare 1.500 euro di spese legali



Potrebbero interessarti anche