Accoltellò militari e un poliziotto, la difesa: “Hosni violentato in carcere, venga assolto”

Il giovane che aggredì con due coltelli due militari e un agente della Polfer in stazione Centrale

Il pm di Milano Maura Ripamonti ha chiesto una condanna a 10 anni di carcere, con il riconoscimento del vizio parziale di mente emerso da una perizia, per Ismail Tommaso Hosni, il 21enne italo tunisino a processo per tentato omicidio,

Ambulanza e militari accoltellati (3)

 

lesioni e resistenza per avere aggredito due militari e un agente della Polfer alla stazione Centrale di Milano, il 18 maggio dello scorso anno.

La difesa di Hosni ha invece chiesto che il giovane venga assolto per incapacità totale di intendere e di volere al momento del fatto e ha chiesto al gup Roberta Nunnari (sentenza il 2 marzo) che vada subito in una comunità terapeutica per essere curato.

 

Risultati immagini per Ismail Tommaso Hosni

 

Tra l’altro, come chiarito dall’avvocato Giusi Regina, il giovane, presente nelle scorse ore in aula al settimo piano del Tribunale “è stato violentato”

da altri detenuti nelle scorse settimane nel carcere milanese di San Vittore, dove si trova tuttora.

Il 21enne è anche indagato per terrorismo internazionale in un altro filone perché aveva postato su Fb video inneggianti all’Isis.

 

Risultati immagini per Ismail Tommaso Hosni

 

La Procura di Milano ha quindi aperto un’inchiesta per accertare se davvero Ismail Tommaso Hosni abbia subìto una violenza sessuale nel carcere milanese di San Vittore nelle scorse settimane.

Il 21enne, come detto, ha messo a verbale nell’istituto penitenziario di aver subìto un abuso da altri detenuti.

Verbale che, assieme alla documentazione medica che, secondo il suo legale Giusi Regina, ha accertato la violenza, è stato trasmesso ai pm milanesi.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche