Condividi

La polizia del Kenya “si sta avvicinando” alla cattura dei rapitori della volontaria italiana Silvia Costanza Romano, sequestrata il 20 novembre. Ad annunciarlo è il comandante regionale Noah Mwivanda, ribadendo che la giovane “è viva”. La polizia ha inoltre avanzato l’ipotesi secondo cui alcuni residenti del posto stiano collaborando con i rapitori dando loro rifugio e viveri.

A dare un nuovo impulso alle ricerche sono state le informazioni ottenute dai tre principali sospettati, che erano stati in contatto con i rapitori e che al momento sono tenuti in custodia dalla polizia insieme ad altre 18 persone. Il raggio delle operazioni è stato ora ristretto a una specifica area della foresta in cui si troverebbe la ragazza, nella regione costiera di Kilifi. Strade e punti d’accesso nella vegetazione, si vede nelle immagini televisive, sono pattugliati dalle forze dell’ordine, che sorvola l’area anche con gli elicotteri.

SCONGIURATA L’IPOTESI TERRORISMO?

L’obiettivo dei rapitori, ribadisce il comandante locale delle forze dell’ordine, era portare la ragazza nella confinante Somalia ma tutte le strade possibili, assicura, sono state sigillate. La pista seguita nelle indagini resta comunque quella della criminalità comune e non del terrorismo targato al-Shabaab. Una delle preoccupazioni maggiori, in questo momento, è invece che alcuni residenti del posto stiano collaborando con i sequestratori dando loro rifugio, cibo e acqua.

Per gli eventuali fiancheggiatori la polizia ha minacciato una pesante incriminazione. Intanto un aiuto potrebbe arrivare dalla comunità dei pastori seminomadi che abita nella regione costiera e che ha condannato il rapimento della cooperante italiana e annunciato di sostenere le ricerche. Gli anziani della comunità hanno chiesto a tutti i membri di cooperare con gli agenti di sicurezza per arrestare i rapitori. Nei giorni scorsi, riporta Tgcom, la polizia ha fatto appello proprio ai residenti della zona, scarsamente popolata, e in particolare ai pastori, perché con la loro conoscenza del territorio diano una mano alla squadra impegnata nelle operazioni.

A chi fornirà informazioni che portino all’arresto dei criminali è stata offerta anche una taglia di un milione di scellini, circa 8.600 euro.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAgente della Polizia Locale morto a Misilmeri, l'appello di moglie e figli: "Un lavoro o perderemo tutto"
Prossimo articoloTenta il suicidio dopo una lite in famiglia: salvato grazie all'intervento da "psicologi" dei Carabinieri