Condividi

La birra contrasta il cancro, il luppolo contiene una molecola che ‘affama’ il tumore

Nella birra potrebbe nascondersi un’arma per la lotta contro i tumori. A rivelarlo è una ricerca pubblicata dall’Università di Pisa.

Secondo i ricercatori, infatti, nella celebre bevanda sarebbe contenuta una molecola che ”affamerebbe” il cancro limitandone la diffusione.

Gli esperti si sono concentrati proprietà anti-angiogeniche di un fitocomposto chiamato Xantumolo (XN). Si tratta di un flavonoide presente nel luppolo e, quindi, nella birra che ha notevoli benefici per il corpo.

Risultati immagini per università di pisa

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista internazionale ”European Journal of Medicinal Chemistry” mostrano come due derivati dello Xantumolo svolgano un’efficace azione anti-angiogenica, al pari di alcuni farmaci comunemente usati per la lotta al tumore.

Ma cosa si intende, di preciso, con il termine ”azione anti-angiogenica”? Si tratta di un processo attraverso il quale si blocca la crescita dei vasi sanguigni vicino alle cellule tumorali impedendo al cancro di alimentarsi.

Insomma un passo fondamentale per la lotta ai tumori, ma non l’ultimo.

 

 

Il prossimo obiettivo degli esperti è di modificare la struttura della molecola di xantumolo per potenziarne le proprietà anti-angiogeniche sviluppando, in questo modo, una potente arma contro i tumori, partendo dal luppolo.

Leggi la notizia su ScienzeNotizie.it

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteDiciotti, tutti i migranti fuggiti. Stanze vuote a Rocca di Papa
Prossimo articoloPer non dimenticare Moira, la poliziotta morta per salvare un uomo nell'attentato delle torri gemelle