Condividi

In gergo tecnico si chiamano “giudici sensoriali”: in pratica sono “assaggiatori di Nutella”, il sogno di ogni bambino della terra. La Ferrero, il colosso dolciario di Alba, ha pubblicato un annuncio di lavoro da leccarsi i baffi. L’azienda cerca, infatti, 60 assaggiatori per testare i semilavorati e le materie prime, a partire da vari tipi di cacao e granella di nocciole, che servono a produrre i dolci più famosi del marchio piemontese. L’impegno, come spiega l’annuncio pubblicato qui sotto, è di due giorni alla settimana. La sede: Alba. Esperienza richiesta: assolutamente nessuna.

L’annuncio è stato pubblicato dalla Openjobmetis per conto della Soremartec Italia srl, la società di ricerca e sviluppo della Ferrero. La figura professionale non è nuova ma il fatto inedito è che finora l’azienda aveva affidato il compito ai dipendenti interni, mentre adesso la Ferrero vuole testare i suoi prodotti sui non addetti ai lavori: l’annuncio, infatti, mette bene in chiaro che agli aspiranti “giudici” non è richiesta alcuna qualifica o competenza. Si cercano, insomma, semplici consumatori, meglio ancora se a digiuno di informazioni su aspetti nutrizionali o organolettici.

I prescelti, riporta Repubblica, dovranno frequentare un corso di formazione della durata di tre mesi, in partenza il 30 settembre, per “addomesticare” gusto e olfatto. Dai 60 prescelti ne verranno “scremati”, è il caso di dirlo, 40 che saranno a loro volta suddivisi in due “panel” da 20. Il corso servirà anche ad insegnare ai nuovi giudici i termini giusti per descrivere ogni sensazione in arrivo dalle loro papille gustative. Il contratto è part time e, si precisa, “compatibile con altri lavori”. Unici requisiti: l’assenza di allergie e una buona dimestichezza con il computer.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteAutostrade, tornano in funzione i Tutor: al via per l'esodo in 22 tratte
Prossimo articoloVodafone, nuovi rincari: ecco cosa sta succedendo