Condividi

La figlia dimentica di lavare i piatti così il papà decide di punirla uccidendole i suoi cani. Accade in Usa e lo racconta Leggo

Un gesto sconvolgente quello di Jeffrey Don Edwards, 35 anni, che ha sparato ai cani della figlia adolescente fuori dalla loro casa ad Harrah, in Oklahoma, solo perché la 17enne si è dimenticata di lavare i piatti.

L’uomo è stato arrestato con l’accusa di maltrattamenti verso gli animali e per possesso di armi da fuoco. Secondo quanto riporta la stampa locale la ragazza si sarebbe divisa il compito di lavare i piatti insieme al fratello di 15 anni, ma quella sera del 9 maggio aveva dimenticato il suo turno e il papà si è ritrovato i piatti sporchi nel lavello.

Un comportamento inaccettabile per il 35enne che ha iniziato a gridare e a rompere i piatti, così la giovane ha chiamato la madre, che vive in un’altra casa, chiedendole di portarla via. La donna è andata in aiuto della figlia, ma quando il giorno dopo la ragazza è tornata a casa ha visto molto sangue e non ha più trovato i cani.

La 17enne ha chiamato la polizia e davanti agli agenti lo zio ha ammesso che il padre li avrebbe uccisi in preda all’ira per la discussione avuta la sera precedente.

 

 

I corpi degli animali sono stati trovati a 100 metri dalla loro casa e per Edwards è scattato l’arresto.

L’uomo però nega ogni accusa, anche se due testimoni hanno dichiarato che lui stesso, poco dopo aver ucciso i cani, ha confessato loro quello che aveva fatto aggiungendo di non sentirsi nemmeno in colpa.

L’ex moglie ha dichiarato che i due figli sono sconvolti dall’accaduto, entrambi i ragazzi, infatti, sarebbero stati molto legati ai due animali.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteEra sommerso dai debiti: bidello si impicca nel bagno "Nessuno si è accorto di niente"
Prossimo articoloRoma, rapina con le spranghe al minimarket: titolare in fin di vita