Condividi

Arrestato un ex bodybuilder veronese, residente in Romania, accusato di essere a capo di un’organizzazione criminale dedita al traffico di stupefacenti. L’uomo è finito in manette a seguito di un’indagine condotta dalla guardia di finanza di Varese che ha denunciato anche altri otto soggetti. Lo riporta VeronaNetwork

Oltre 850 dosi di farmaci anabolizzanti, 26mila prodotti contraffatti, 18mila unità di medicinali importati senza autorizzazione, 36mila euro e un veicolo. Questo quanto sequestrato dalla guardia di finanza di Varese che ha arrestato un veronese e denunciato altre otto persone per traffico internazionale di sostanze stupefacenti e dopanti.

Nel corso delle indagini è emerso che il veronese, culturista ex-campione del mondo di bodybuilding amatoriale, residente in Romania, era a capo di una struttura criminale dedita al traffico di prodotti e sostanze stupefacenti a livello internazionale.

A dare il via all’operazione, denominata “A Bomba“, nel settembre 2017, è stato un controllo dei baschi verdi, insieme al personale dell’Agenzia delle dogane di Malpensa, di una spedizione in transito proveniente da Hong Kong e destinata in Ucraina del peso di 1 tonnellata e mezza.In quell’occasione erano stati sequestrati 43 cartoni con 830mila dosi di anabolizzanti, tra fiale e compresse, di cui quasi 30mila di nandrolone (sostanza inserita nella tabella delle sostanze stupefacenti e psicotrope e nella lista delle sostanze dopanti), la cui vendita avrebbe fruttato diverse decine di milioni di euro.

La consegna controllata dei prodotti – disposta dall’Autorità giudiziaria – ha consentito di appurare che la merce era rimasta in Italia. I pacchi infatti erano stati consegnati prima a Bergamo a un uomo di nazionalità lituana, denunciato a piede libero e, successivamente, a Verona all’ex campione, arrestato in flagranza.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedentePolizia locale, La Lega: “No ai rifugiati come agenti, idea folle e inaccettabile"
Prossimo articolo"Licia non si suicidò" ad uccidere maresciallo dei Carabinieri sarebbe stato marito poliziotto