Condividi

Al di là della responsabilità penale, sussiste anche una responsabilità disciplinare per il docente di scuola manesco o che umilia i bambini. Ne parla ampiamente La Legge per Tutti

Le maniere forti non hanno mai fatto bene ed è tutt’altro che chiuso il dibattito sull’utilità delle punizioni corporali per insegnare rispetto ed educazione ai più piccoli.

Ma se un tempo i bambini andavano a scuola già “vaccinati” dalle proprie famiglie e le bacchettate della maestra sembravano carezze rispetto alla cinta del papà,

oggi che i genitori hanno scelto – a torto o a ragione – la via del dialogo anche gli insegnanti devono mutare costumi.

E così, quando i genitori si accorgono che il proprio figlio ha ricevuto uno “scappellotto” dalla maestra, anche se non ci sono state lesioni tali da realizzare l’illecito penale, possono ugualmente rivolgersi al preside.

Ad essere sospeso sarà allora il docente e non più lo scolaro, per quanto quest’ultimo possa essere stato indisciplinato. Ma su quali prove? Chi lo dice che la maestra di scuola picchia gli alunni?

Che fare se questa dovesse negare le sberle? A spiegarlo è il tribunale di Trento in una recente sentenza [1].

Procediamo con ordine e vediamo come possono tutelarsi le famiglie tutte le volte in cui hanno il sospetto che il proprio figlio sia stato umiliato, picchiato o deriso dall’insegnante.

Inutile soffermarci sul fatto che la maestra che picchia gli alunni e procura loro dei lividi può essere denunciata per lesioni.

Uno o entrambi i genitori possono andare dai carabinieri che, con buone probabilità, si faranno autorizzare dal giudice a mettere delle telecamere in classe per procurarsi le prove.

Se l’insegnante sgrida in modo offensivo, importuna o dà una sberla che non lascia segni, può sempre scattare il reato perché non c’è bisogno dei segni per commettere il crimine.

Ad esempio c’è il reato di abuso dei mezzi di correzione, i maltrattamenti, la violenza privata.

Se le forze dell’ordine dovessero tardare con le videoriprese, come si può inchiodare il docente?

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteMatteo Salvini: mi paragonano al duce ma non arretro, orgoglioso di questi primi 100 giorni
Prossimo articoloRicerca italiana, individuate le molecole responsabili della Sla