Condividi

Importante operazione dei Falchi della Squadra Mobile a tutela del patrimonio artistico e archeologico della provincia Jonica.

Più di trecento reperti archeologici risalenti all’età Ellenistica, con molta probabilità recuperati in scavi clandestini da tombe di origine greca, sono stati rinvenuti da agenti della squadra mobile di Taranto in un terreno incolto nella borgata di Lama.

 

Gli agenti hanno recuperato in un terreno incolto, tra la folta vegetazione, nella zona di Lama più di trecento reperti archeologici ancora sporchi di terreno umido a dimostrazione della recente estrazione dal sottosuolo.

Tutti i preziosi manufatti risalivano all’età ellenistica del VI e III secolo a.C. ed erano pronti per essere immessi sul fiorente mercato clandestino nazionale.

Tutto il materiale recuperato è stato affidato poi ad un funzionario della Soprintendenza Archeologica di Lecce che ha preso parte in Questura a tutte le operazioni di catalogazione.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTruffa della "compagnia telefonica": entrano nel telefono e le svuotano il conto corrente
Prossimo articoloTrasporta merce surgelata a 8°C, la Forestale sequestra 835kg di alimenti

Nessun commento

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.