La Polizia scopre una chiave in grado di aprire ogni porta blindata: è la chiave bulgara

È tornata la chiave bulgara: quella che per entrare nelle case e svaligiarle non rompe nulla ma passa direttamente dalla porta aprendola con un grimaldello in grado di copiare ogni tipo di combinazione.

E a farne le spese sonoignari cittadini in tutta Italia. Nelle zone tra toscana e Liguria si muovono bande specializzate.

I malviventi che utilizzano la chiave bulgara sono anche molto informati, dato che il bottino è sempre piuttosto consistente.

Segnalati diversi colpi a Massa questa estate. Colpi in serie anche a Genova, dove a finire in manette sono stati cittadini georgiani di età compresa tra i 28 e i 41 anni:

erano loro stessi a realizzare lo strumento per aprire le porte blindate.

Dopo un furto, gli agenti hanno recuperato un modello di chiave bulgara che i ladri avevano abbandonato per timore di controlli.

 

 

Risale invece a Gennaio scorso l’arresto di un’altra banda, questa volta a Torino

Le indagini, allora coordinate dal pm Roberto Sparagna, avevano preso il via nel 2016.

Il gruppo individuato, servendosi delle cosiddetta “chiave bulgara”, riusciva a sbloccare ogni tipo di serratura senza danneggiarla o tagliarla.

La banda, secondo gli inquirenti, faceva riferimento alla mafia georgiana ed era attiva in tutta Europa.

Il sospetto in quel caso è che dietro la banda ci fosse una struttura verticistica, con regole ferree e ruoli precisi, addirittura con personaggi riconducibili ai servizi segreti della vecchia Unione Sovietica.

 

 

L’unico modo per difendersi dal grimaldello che duplica le combinazioni delle porte blindate è quello di aggiornare le serrature:

ad esempio i cilindri europei (quelli con la chiave corta) finora sono immuni da questo attrezzo che fa la felicità dei malviventi.