Condividi

“Fare il militare torni obbligatorio per 6 mesi, farà bene ai giovani”

Una proposta che sicuramente stimolerà moltissimi italiani ed adulti nostalgici: se si tornasse alla leva obbligatoria?

E’ questa la proposta avanzata dal Leader della Lega.

Matteo Salvini parla di un’esigenza di maggiore democrazia: “Penso che di fronte a rigurgiti razzisti e alla minaccia del terrorismo, un esercito di leva sia meglio per la democrazia”, scandisce a margine di un incontro a Milano.

 

 

“Io penso – continua Salvini – che il servizio di leva obbligatorio sia un antidoto alla difesa fai da te e al razzismo. Così si fa integrazione: in camerata non conta dove sei nato”.

Leggi anche:  Io soldato e gli amici imboscati. Quell'utilissima perdita di tempo

La proposta è stata avanzata durante un incontro con l’Associazione nazionale alpini che chiede il ripristino del servizio obbligatorio.

E Salvini non se lo è certo fatto ripetere: appoggia in pieno la proposta che “toglie rischi e aumenta sicurezza”.

E l’alternativa del servizio civile? “Non ci credo – spiega Salvini – la leva educa a un uso responsabile consapevole dell’arma come in Svizzera. Anche per evitare i disatri che vediamo in questi giorni”.

 

 

Leggi anche:  Il Veneto vuole reintrodurre la leva obbligatoria per almeno otto mesi

E qui il riferimento, piuttosto chiaro, è alla sparatoria di Macerata.

Il leader della Lega ha ricordato poi la proposta di legge del Carroccio ferma in Parlamento che prevede otto mesi di servizio civile o militare obbligatorio per ragazzi e ragazzi,

che devono scegliere se fare l’uno o l’altro, su base regionale.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedente“Ma guarda che c…one” Noemi insulta agente della Polizia. Ora rischia denuncia per oltraggio
Prossimo articoloScrutatori elezioni politiche 2018: compenso, scelta, requisiti. Tutto quello che c'è da sapere