Condividi

SOS1306192Giornata di vera emergenza in Sardegna sul fronte della lotta agli incendi. Le alte temperature e i numerosi fronti aperti stanno rendendo difficili le operazioni di spegnimento: in volo c’è tutta la flotta aerea composta da 12 elicotteri e tre canadair. E c’è quasi certamente la mano dell’uomo dietro il vasto rogo che ha costretto all’evacuazione il villaggio residenziale Le Mimose di Sinnai, a circa 20 km da Cagliari.

A disposizione anche alcuni pullman per completare l’operazione di allontanamento dalle case. Il dolo emerge dal modo in cui si è sviluppato l’incendio e soprattutto dal racconto di chi è scampato alle fiamme e ha dovuto abbandonare velocemente le proprie abitazioni, compresi i turisti. Il fuoco, infatti, si è propagato da due diversi punti, a monte e a valle della collina dove sorge il complesso residenziale, tagliato in due dal vecchio tracciato della statale 125 che collega il sud dell’Isola con l’Ogliastra e la Gallura.

“E’ capitato tutto in fretta verso le 15.30 – raccontano i testimoni costretti alla fuga – con le fiamme che sono avanzate ad ondate, prima investendo le case dall’altra parte della strada quindi spingendosi sul retro della nostra abitazione, con due fronti che si andavano a scontrare. E noi nel mezzo. Siamo rimasti per tentare di bagnare il giardino e fermare il rogo, ma la casa di fronte è stata toccata dalle fiamme ed è arrivato l’ordine di evacuazione”. Nel frattempo si fa una prima conta dei danni a Isili e Nurallao, tra le province di Cagliari e Nuoro, dove si stima che siano andati in fumo circa 500 ettari, molti di bosco e pineta. Anche qui 40 persone hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni minacciate dal fuoco. Stesso rischio corrono alcuni residenti di Allai, Serrenti e Furtei.

Da questa zona della Sardegna le fiamme si sono propagate in tutto il centro dell’Isola: a Laconi, in particolare, 15 famiglie sono state evacuate. Notizie confortanti, intanto, arrivano dall’oristanese sulle condizioni dell’uomo – si tratta di un allevatore di 52 anni – rimasto ustionato a Ghilarza mentre tentava di salvare il suo bestiame. Secondo quanto si è appreso non sarebbe grave: è stato trasportato dal 118 al pronto soccorso con un codice giallo. Emergenza non solo nei boschi, ma anche in città. A Sassari un rogo è divampato nei pressi della stazione ferroviaria dell’azienda regionale di trasporto pubblico locale (Arst) e ha distrutto un vagone in disuso, lambendo un deposito di bombole di gas e incenerendo un deposito di materiali accatastati nel cortile di un condominio adiacente il deposito di pullman. Le fiamme sono state domate dopo diverse ore.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteIl Generale Luigi Federici, ex comandante dell’Arma: «Con i processi agli investigatori dell’Arma, come Mori, Obinu e Ganzer, la criminalità festeggia»
Prossimo articoloAntonino Scopelliti