Pillole di zafferano frenano una rara malattia della vista

Nel trial clinico sono stati coinvolti 31 pazienti trattati con 20 milligrammi al giorno di zafferano in compresse per sei mesi e poi con una sostanza placebo per i successivi sei. La funzione visiva si è mantenuta stabile durante la terapia, mentre tendeva a deteriorarsi durante l’assunzione del placebo.

Si tratta di una nuova dimostrazione dei potenti effetti terapeutici dello zafferano, che già in passato in modelli animali di degenerazione retinica si è dimostrato capace di rallentare la progressione del processo neurodegenerativo della retina e mantenere la funzione visiva più a lungo.

Nell’uomo l’efficacia del trattamento con zafferano è stata dimostrata, sempre da Falsini, in pazienti con una degenerazione maculare legata all’età in fase iniziale o mediamente avanzata: “l’integrazione per bocca con zafferano ha un effetto benefico sulla funzione visiva e sulla progressione della malattia”, conclude Falsini. (ANSA)