La solidarietà dei medici cubani: arrivano 53 esperti per lottare. Cosa faranno in Italia

“Li accogliamo a braccia aperte (purtroppo solo metaforicamente parlando, per ora) e nutriamo fiducia circa il fatto che saranno grandissimi alleati nella lotta al virus, nella cura dei nostri concittadini malati e anche in un poco di sgravio per i nostri operatori sanitari, ormai stremati” prosegue il sindaco.

“Non ci sarà un benvenuto ufficiale nella serata di oggi – aggiunge – lo rimanderemo alla visita dell’assessore alla Sanità Giulio Gallera prevista per i primi giorni della settimana, mentre la festa vera, con loro e con tutti gli operatori, sarà in occasione della loro partenza, perché vorrà dire che avremo debellato questo maledetto virus”.

“Una promessa e una certezza. Il nostro grazie, pieno di commozione e di riconoscenza, parte però da subito, a loro, alle loro famiglie che ne hanno accettato e pure ne sostengono il sacrificio e al loro generoso Paese!”, conclude il sindaco.

Fonte: LEGGO