Condividi

La Svizzera chiude le frontiere di notte contro “i ladri italiani che vengono a rubare”
La decisione (unilaterale) a partire da una mozione avanzata da una politica ticinese anti-europeista

Il Cantone Ticino ha chiuso tre frontiere con le province di Varese e Como, con decisione unilaterale e con tanto di sbarre per impedire fisicamente il passaggio dalle 23 alle 5, per sei mesi. Si tratta di una sperimentazione dovuta al fatto che, dall’Italia, “arriverebbero troppi ladri”.

I valichi interessati sono quelli di Pedrinate, Novazzano-Marcetto e Ponte Cremenaga. I cittadini elvetici sono convinti che sia in atto un fiorente fenomeno di “pendolarismo di malviventi” dal Bel Paese e hanno trovato una sponda politica in Roberta Pantani, attualmente consigliere nazionale (cioè parlamentare) per la Lega dei Ticinesi. Che su Facebook si augura che questa triplice chiusura sia “la prima di una lunga serie”: i valichi secondari dovevano infatti, inizialmente, essere ben sedici.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteTerremoto, scossa di magnitudo 3.3 nel Nord Italia
Prossimo articoloScoprono un lavoratore in nero, parrucchiera cerca di corrompere i Carabinieri