Condividi

Torna su Facebook un vecchio (falso) allarme.Gli allarmismi sui social network, si sa, hanno presa su tanti, troppi utenti. Un po’ per spirito di solidarietà e un po’ perché la loro condivisione è molto semplice, è sufficiente un click. Tutta questa facilità, però, favorisce la circolazione di notizie false che in rete si moltiplicano e si diffondono, anche a distanza di anni.

Come nel caso dell’allarme che ha ripreso a circolare su Facebook che mette in guardia i genitori da un gruppo ideato da alcuni pedofili, secondo quanto riportato, per raccogliere immagini di bambini. Si tratta di un messaggio nato in lingua inglese, che qualcuno si è preso la briga di tradurre e diffondere.

In italiano esisteva un gruppo analogo nel 2010 che, però, è stato disattivato. La possibilità di accedere alle foto dipende esclusivamente dalle impostazioni sulla privacy scelte sul proprio profilo. Quindi l’ipotesi che gli amministratori di un gruppo, solo per la loro “qualifica”, siano in grado di accedere automaticamente alle foto degli utenti iscritti è priva di qualsiasi fondamento.

Roma, 5 maggio 2016

fonte unavitadsocial

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteOPPORTUNITA’ di LAVORO in BARILLA a TEMPO INDETERMINATO. POSTI IN TUTTA ITALIA. Tutte le Posizioni aperte, CANDIDATI QUI
Prossimo articoloPer chi va a convivere entro il 2016 un nuovo BONUS da 20mila euro! Ecco come richiederlo