Condividi

bracconaggioPistoia, 28 gennaio 2014 – Un trentenne pistoiese dedito al bracconaggio e’ stato scoperto e denunciato all’autorita’ giudiziaria dalla polizia provinciale di Pistoia. L’uomo aveva installato lacci in acciaio in una zona della periferia nord-ovest di Pistoia: il meccanismo provocava la morte per strangolamento degli animali che vi rimanevano impigliati. “Questi episodi stanno diventando sempre piu’ frequenti, a dimostrazione che la cattura di animali di frodo non e’ una pratica caduta in disuso, ma sta conoscendo un pericoloso ritorno in tempi di crisi – sottolinea Franco Monfardini, comandante della polizia provinciale di Pistoia – alla luce del susseguirsi di gravi casi di bracconaggio, pertanto, la polizia provinciale ha predisposto un piano d’azione che prevede l’intensificarsi dei controlli, non solo in orari diurni ma anche notturni, sia nelle zone piu’ interessate dagli episodi specifici, che in quelle riconosciute come piu’ tranquille da questo punto di vista”. (ANSA).

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate
Potrebbero interessarti anche
Articolo precedenteCarabinieri, il cordoglio di Mauro per la morte del maresciallo Casini
Prossimo articoloLegge elettorale, l’Agi: “Telefonata Renzi-Berlusconi”