L’addio amaro del Generale Marco Bertolini: “Preparatevi alla guerra”

Brutti presagi, agitano i piani più alti delle nostre forze armate. «Ad altri toccheranno sfide che alla mia generazioni sono state risparmiate», dice il generale Marco Bertolini, evocando scenari di guerra. E nel dire Bertolini non si commuove, anzi. La voce gli si fa di ghiaccio. «La storia si è rimessa in movimento. Non fronteggiamo soltanto quattro organizzazioni malavitose, come piace pensare alla nostra opinione pubblica. Qualcuno pensa che le nostre forze armate siano un oggetto inutile. Invece c’è bisogno di investire ancora, se vogliamo governare un futuro difficile e drammatico».

Nel grande hangar pavesato a festa, ospiti del Centro operativo interforze, c’è il più assoluto silenzio per il giorno dell’addio di Bertolini. Da quattro anni è il responsabile delle nostre missioni all’estero e ad ascoltarlo è arrivato il parterre delle grandi occasioni. Un centinaio tra generali, ammiragli, colonnelli che al termine dell’intervento lo applaudiranno forsennatamente. Non un solo politico. C’è invece il capo di stato maggiore della Difesa, il generale Claudio Graziano, per questa cerimonia di avvicendamento che porta alla guida del Coi un ammiraglio, Giuseppe Cavo Dragone.

Ricevi gratuitamente e direttamente sulla tua casella di posta elettronica aggiornamenti sul mondo delle Forze dell’Ordine, Video, Consigli e info su Concorsi nelle Forze Armate

Potrebbero interessarti anche